Il destino dell'avvoltoio, di Giorgio Ballario - Edizioni del Capricorno

Il destino dell’avvoltoio

8,90 € IVA inclusa

Autori: Giorgio Ballario
Formato: 14×21,5
Pagine: 208
ISBN: 978-88-7707-362-4

Categoria: . Tag: , .

love it, share it

google

Descrizione prodotto

Il destino dell’avvoltoio

«Ricarico veloce e riguadagno posizione sulla soglia del rudere, facendo attenzione a non sporgermi troppo. Per quanto mi sembri strano, adesso mi sento tranquillo e non ho più paura. Riprendo in mano Dolores e la stringo forte. Penso che potrei ancora provare a scappare, però sono stanco di fuggire. Non me la sento più, sono stufo di dimostrarmi un vigliacco e di chinare la testa. Sono un avvoltoio, non una pecora. Gli avvoltoi si nutrono di cadaveri e immondizia, ma volano. In alto.»

Una Torino notturna, livida e vitale, personaggi falsi e spietati, un mondo in cui la giustizia è una pratica per difetto, esposta al vento di interessi opachi, inconfessabili. Un romanzo che si lega alla scrittura dei grandi maestri del noir, italiano e non solo, con una voce tutta torinese, alta e forte. Capace di superare i confini della geografia e del tempo.

Fabio Montrucchio, torinese, avvocato, ha un grande futuro dietro le spalle e un presente vissuto sul confine incerto tra legalità e illegalità. Un matrimonio fallito, qualche deriva alcolica e psicotropa di troppo. E, soprattutto, niente più illusioni sulla vita, l’amore, la carriera. Perché Montrucchio non è un principe del foro. Anzi. Campa di piccole truffe ai danni delle assicurazioni, e per questo bazzica i pronto soccorso degli ospedali cittadini facendo balenare alle vittime degli incidenti stradali e ai loro parenti il miraggio di risarcimenti a sei zeri, approfittando della loro precaria situazione emotiva. Mica per niente, nell’ambiente, l’hanno soprannominato l’Avvoltoio. Una vita di moderata disperazione e amori senza futuro, di rimpianti, di espedienti. Piccolo cabotaggio. Poi, un giorno, l’Avvoltoio, già coinvolto in una pericolosa vicenda di debiti di gioco, resta invischiato in una faccenda più grande di lui. Un lavoretto facile facile, in apparenza, un tamponamento fittizio, solo che dietro, stavolta, c’è l’ombra lunga della ’ndrangheta. E Montrucchio cade nella trappola, trascinato a sua insaputa in una faida tra cosche. Un meccanismo inesorabile si mette in moto, cui l’Avvoltoio tenta di sottrarsi anche sfruttando la scoperta d’insospettabili connessioni tra il mondo della giustizia e la malavita calabrese. Ma la trappola si richiude su di lui, feroce e progressiva, fino alla resa dei conti finale.

L’AUTORE

Giorgio Ballario

È nato a Torino nel 1964, è giornalista e lavora a La Stampa. Oltre a Il destino dell’avvoltoio, ha pubblicato cinque romanzi (Morire è un attimo, Una donna di troppo, Il volo della cicala, Le rose di Axum e Nero Tav) oltre a racconti in svariate antologie giallo-noir, tra cui, per Edizioni del Capricorno, Porta Palazzo in noir (2016) e Il Po in noir (2017). Nel 2010 ha vinto con Morire è un attimo il Premio Archè Anguillara Sabazia e nel 2013 il Premio GialloLatino con il racconto Dos gardenias, pubblicato da Segretissimo Mondadori. Con Vita spericolata di Albert Spaggiari, biografia di un famoso ladro francese degli anni Settanta (2016), è stato finalista al Premio Acqui Storia. L’ultima opera, Fuori dal coro (2017), è una galleria di personaggi irregolari e controcorrente del Novecento. Dal 2014 è presidente di Torinoir, sodalizio di scrittori torinesi malati di noir.