Un secolo di immigrazione a Torino - Edizioni del Capricorno

Un secolo d’immigrazione a Torino. Storia e storie dall’Ottocento a oggi

9,90 € IVA inclusa

Autore: Gianni Oliva
Formato: 16,1 x 22,8
Pagine: 160
ISBN: 978-88-7707-316-7

love it, share it

google

Descrizione prodotto

collana Immagini della storia

Un secolo di immigrazione a Torino. Storia e storie dall’Ottocento a oggi

Supportato da una rigorosa ricerca documentale, un saggio dallo stile agile e di facile lettura, che ci aiuta a capire, se ancora ce ne fosse bisogno, che «siamo tutti figli delle migrazioni».

Con le straordinarie immagini degli archivi ANSA e le parole di un grande storico, il racconto dell’immigrazione a Torino. Un viaggio lungo un secolo che inizia a fine Ottocento, quando la città perde il ruolo di capitale e si reinventa centro di produzione industriale, e dalle valli montane e dalle campagne piemontesi arriva il primo dei tanti flussi di persone alla ricerca di lavoro e di una vita migliore. In seguito, nel periodo delle due guerre mondiali, Torino si distingue nella mobilitazione bellica: dalle sue fabbriche usciranno proiettili, mezzi d’assalto, paracaduti e armi, anche grazie allo sforzo degli immigrati e delle donne che prenderanno il posto degli uomini impegnati al fronte. E poi la grande pagina della città-fabbrica, quando Torino sembra voler dire solo FIAT, e migliaia di persone saltano sui treni del sole per indossare le tute blu della fabbrica del Lingotto. Torino deve fare i conti con l’emergenza abitativa e l’adeguamento dei servizi, e deve imparare a convivere con i «nuovi cittadini», in un processo d’integrazione che sarà lento e spesso sofferto da entrambe le parti, come nell’emblematico caso di Orbassano, che negli anni Cinquanta viene eletto a «dormitorio di periferia» e vede aumentare la sua popolazione di quattro volte. La conclusione del viaggio è l’immigrazione «di oggi» da paesi dilaniati da guerre e povertà, che non hanno più nulla da offrire a chi rischia la vita pur di raggiungere l’Italia.

L’AUTORE

GIANNI OLIVA, storico del Novecento, da anni si occupa di alcuni fra gli argomenti più controversi e significativi della storia recente. Fra i suoi libri: I seicento giorni di Salò (1996), I Savoia. Novecento anni di una dinastia (1998), Umberto II. L’ultimo re e Storia degli Alpini. Dal 1972 a oggi (2000), Le tre Italie del 1943. Chi ha veramente combattuto la guerra civile (2004), «Si ammazza troppo poco». I crimini di guerra italiani 1940-43 (2006), Fra i dannati della terra. Storia della Legione Straniera (2014), Il tesoro dei vinti. Il mistero dell’oro di Dongo (2015) e Gli ultimi giorni della monarchia (2016). Per Edizioni del Capricorno ha pubblicato La Grande Guerra degli italiani. 1915-1918 (2015), Mussolini 1945. La fine del fascismo. Immagini di un dittatore dalle origini alla caduta del regime (2015) e L’impresa coloniale italiana. L’Africa Orientale Italiana 1885-1942 (2016).