Archivio per la Categoria ‘News e press’ Category

Avvisiamo i lettori che il nostro volume 25 piccole città imperdibili del Piemonte è andato in stampa una cartina sbagliata a pagina 67.

Ci scusiamo per l’errore tecnico, provvederemo alla correzione in un’eventuale ristampa.

 

25-piccole-città-del-piemonteGià disponibile sul nostro sito e dal 19 marzo in edicola con La Stampa, 25 piccole città imperdibili del Piemonte, di Luigi Avondo e Claudio Rolando, per la nostra serie dei Borghi imperdibili.

Un libro che descrive in modo diverso il paesaggio del Piemonte, costituito anche, e soprattutto, da un fitto tessuto di piccole grandi città storiche, che ne costellano il territorio e costituiscono altrettanti poli d’arte, cultura, identità. Vi raccontiamo i centri di medie dimensioni, più piccoli dei capoluoghi di provincia, spesso non dislocati sulle direttrici turistiche più battute, eppure ricchi di un fascino antico e unico, capaci di rivelare al viaggiatore attento inaspettati tesori d’arte, storia, enogastronomia, tradizione. Da Arona a Saluzzo, da Chivasso a Novi Ligure, passando per Savigliano, Varallo Sesia, Casale, Pinerolo e, insomma, attraversando tutta la regione, questo libro conduce per la prima volta il lettore alla scoperta di 25 cittadine del Piemonte, gioielli nascosti o poco conosciuti, spesso trascurati dalle guide nazionali e internazionali. Per ogni città, approfondimenti tematici per conoscere meglio i luoghi, schede tecniche con cartine, tutte le informazioni utili per la visita, un apparato iconografico realizzato ad hoc. 25 piccole città imperdibili del Piemonte: un turismo segreto nel cuore nobile del Nordovest.

 

Tallone & Carillo in libreria: arrivano sugli scaffali  Il postino di Superga e La riva destra della Dora.

Una macchina narrativa implacabile, capace d’innovare ritmi e contenuti del noir contemporaneo. Il loro sguardo inchioda l’attimo nascente del crimine, ne svela moventi, movenze, tracce. Una scrittura che non giudica: illumina. E, tra un colpo di scena e il successivo, la lettura diventa una cavalcata all’ultimo respiro nelle pieghe più inconfessabili della nostra società.

Se ancora non conoscete la protagonista Lola, potete iniziare da qui.

Dall’8 marzo trovate con La Stampa e qui sul nostro sito a questo link il nuovo libro di Stefano Camanni, 35 borghi imperdibili della Valle d’Aosta.

Un viaggio inedito e slow nel cuore della cultura alpina, da Pont-Saint-Martin a Gressoney-Saint-Jean, da Champorcher ad Antagnod, da Introd a Morgex, dalla valle centrale alle vallate laterali. Per ogni borgo, approfondimenti tematici per conoscere meglio i luoghi, schede tecniche con cartine, tutte le informazioni utili per la visita, un apparato iconografico realizzato ad hoc.

Vi aspettiamo il 3 marzo alle 20.00 da Fiorfood, il bistrot della liberia Coop nella galleria San Federico di Torino, per una serata un po’ particolare:

Tallone&Carillo presentano Lola, la protagonista dei noir Il postino di Superga e La riva destra della Dora, in compagnia di un’attrice che leggerà brani dai due romanzi e di un conduttore d’eccezione, Filippo Losito.

 

Martedì 1° marzo, alle ore 17.00, siete invitati alla presentazione di Torino ‘900 all’Unione industriale di Torino (via Manfredo Fanti, 17).

Torino ‘900. La città delle fabbriche è il nostro nuovo libro in vendita con La Stampa e sul nostro sito a questo link, scritto da Enrico Miletto e Donatella Sasso, ricercatori dell’ISMEL.

Il volume ripercorre le tappe più significative della parabola dell’industria torinese: dalle fabbriche tessili e alimentari delle origini al pionieristico sviluppo del settore automobilistico, dall’epopea cinematografica italiana (che all’inizio è anzitutto torinese) allo sforzo bellico della Grande Guerra, dalla nascita dell’industria chimica ai tragici bombardamenti durante il secondo conflitto mondiale. E poi la ricostruzione e il boom, i mutamenti epocali nel modo di produrre e quindi nel tessuto urbano e sociale della città, la grande immigrazione e le crisi degli anni Settanta, il declino industriale e le trasformazioni urbane del terzo millennio. Una storia per molti aspetti unica, vista attraverso le immagini dei luoghi e i volti delle donne e degli uomini che hanno contribuito per più di un secolo a plasmare la forma, la coscienza collettiva, l’identità stessa della città delle fabbriche.

Per adesioni: www.ui.torino.it

Storia di Torino, parte terza: dopo le vecchie tratte dei tram raccontate nelle cartoline d’epoca di C’era una volta il tram e l’eletrizzante inizio Novecento di Torino Belle Époque, vi raccontiamo la Torino dell’industria con Enrico Miletto e Donatella Sasso, ricercatori dell’ISMEL (Istituto per la Memoria e la Cultura del Lavoro, dell’Impresa e dei Diritti Sociali).

Dal 23 febbraio trovate con La Stampa il nostro nuovo titolo Torino ‘900. La città delle fabbriche.

Ed ecco il secondo titolo in uscita con la Stampa dedicata alla storia di Torino.

Siamo sempre all’inizio del Novecento, ma questa volta ci concentriamo su un aspetto particolare della città: il trasporto tramviario. Nel suo C’era una volta il tram, con l’aiuto di bellissime cartoline d’epoca Mario Governato segue il percorso delle 9 linee tranviarie che dal capolinea torinese si ramificavano in tutto il territorio circostante. Per riscoprire i luoghi, ormai irrimediabilmente mutati, le curiosità, i frammenti di vita quotidiana che sul e intorno al tram si sviluppavano.

 

Oltre che con La Stampa, potete acquistare C’era una volta il tram sul nostro sito a questo link. In libreria arriverà il 3 marzo

Piazza Vittorio a Torino a inizio Novecento

In quest’inizio dell’anno abbiamo due titoli in uscita con la Stampa sulla storia di Torino.

Il primo è Torino Belle Èpoque di Pier Luigi Bassignana: un altro capitolo della narrazione della vita quotidiana dei torinesi del Novecento: un salto indietro nel tempo all’inizio del secolo. Tutto sembra possibile e il progresso pare inarrestabile. Anche Torino è investita dalla straordinaria vivacità culturale di quegli anni, celebrati con le esposizioni internazionali del 1902 e del 1911, abbracciati nei cambiamenti della società e dell’urbanistica. In città spuntano come funghi gli studi cinematografici popolati dalle prime star e le fabbriche che producono i nuovi frutti del progresso come l’automobile.

Trovate Torino Belle Époque anche sul nostro sito a questo link e in libreria dall’11 febbraio.

In occasione degli eventi per il Giorno della Memoria, presenteremo La Shoah in Piemonte di Bruno Maida al Museo Diffuso della Resistenza di Torino.

A raccontare il libro, l’autore Bruno Maida e il giornalista della Stampa Mauro Baudino.

Vi aspettiamo il 28 alle 0re 18 in corso Valdocco, 4A.